"... e noi volentieri divideremo il pane con voi"

a cura di Pacifico Sella ofm
edizioni Biblioteca Francescana

Questo volume ripercorre le tappe fondamentali e oserei dire “eminenti” dello sviluppo, ma si potrebbe suggerire anche “ascesa” storica, di questo convento che, come non tutti sanno, iniziò da umilissima ed incerta origine, in cui gli effimeri stenti ne ponevano in forse la sua esistenza, precarizzandone il futuro. Ma la magnifica e sorprendente Provvidenza divina, alla quale questo volume vuole essere espressione di pubblica riconoscenza, trasformò questo luogo in uno dei fari di riferimento per la popolazione cristiana vicentina e, osiamo dire, di tutto il Veneto cattolico. Si potrebbe a ragione dire oggi: “Chi in Italia non ha mai sentito parlare di Chiampo?”.
La sua stella splende di tre raggi cangianti ed iridescenti: quello della cultura e della scienza (i musei di fr. Aurelio Menin), quello della spiritualità mariana (la Grotta dell’Immacolata di Lourdes, la Via Crucis) e quello della santità serafica (la Basilica e la Tomba del Beato Claudio).
Si è giunti pertanto ad organizzare questa pubblicazione in tre parti principali:
- la prima è dedicata alla storia e, quindi, all’origine e allo sviluppo/crescita del Convento con la fortuita genesi del Collegio al suo interno e la notorietà che ne seguì sul piano religioso e civile;
- la seconda è destinata ai Frati che qui vissero sia da studenti “fratini” e sia coloro che conferirono fama e splendore di santità a questo luogo, a partire dal più illustre di questi, il beato Claudio Granzotto;
- la terza, si è soffermata a illustrare l’evoluzione architettonica sviluppatasi nel tempo a partire dall’antica Pieve fino a raggiungere la conformazione attuale. In quest’ultima sezione non ci si è dimenticati di dedicare un risvolto assai capiente all’importanza culturale che questo polo francescano ha consacrato all’aspetto formativo ed istruttivo rivestito dai musei, i quali trovano la loro scaturigine nell’iniziativa di un vero frate minore, fr. Aurelio Menin, che connotava francescanamente nella creazione, soprattutto nella più inerte (come sono le pietre e i fossili), l’impronta del nostro Creatore.
In fine, il titolo, «… e noi volentieri divideremo il pane con voi», è stato raccolto da una riflessione del prof. Lorenzo Perazzolo, ex Sindaco di Chiampo, che ne attribuiva la paternità al suo illustre predecessore, Antonio Fracasso. Non si sa se sia pia leggenda o un episodio realmente accaduto ed oralmente tramandato… Ma è cosa pensabile che quando il Sindaco Fracasso acconsentì che i primi frati risiedessero presso la Pieve, li abbia anche esortati affinché lì rimanessero. Io non so se questa, come sopra accennato, sia una pia tradizione o una cosa realmente accaduta, ma so che tale espressione è una meravigliosa metafora di quanto poi in realtà si è compiuto: la gente di Chiampo non ha fatto mai mancare ai Frati, a partire dall’esempio del suo antico sindaco Fracasso, di che vivere e il convento e il collegio sono frutto di questa grande comunione. Pertanto, l’espressione, eletta a titolo di questo volume commemorativo dei 150 anni di presenza dei Minori a Chiampo (1867-2017), può essere colta quale significativo esordio che caratterizza sinteticamente la storica vicinanza dei Chiampesi ai Francescani della Pieve. Questa è la semplice realtà intorno alla quale il seme della Provvidenza qui germinò e fiorì.

Sede legale

Curia provinciale

  • Via Carlo Farini,10
    20154 - Milano
  • 02 62910587
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
© 2018 Provincia S. Antonio dei Frati Minori
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante più informazioni.