Opere caritative dei Frati Minori del Nord Italia

Numerose sono le realtà-opere di carità dei Frati Minori del Nord Italia: mense poveri, pastorale ai migranti, comunità, carceri, ospedali...

Mensa poveriLe principali mense poveri

Bologna-Antoniano Onlus (cf. sito web): la Mensa aperta dal 1954 serve oggi 130 pasti giornalieri all’ora di pranzo tutto l’anno. Sono circa 500 le persone che annualmente passano per il Centro d’ascolto e che entrano nel percorso di formazione attraverso i laboratori e il reinserimento lavorativo. 100 i volontari.
La Spezia (cf. video): Mensa con 40 pasti al giorno aperta sei gironi alla settimana. 30 persone alla settimana per il servizio di guardaroba. Presenza di una mensa che offre il pranzo. Distribuzione una volta alla settimana di indumenti, oltre alla distribuzione di generi alimentari.
Milano-S. Antonio: La mensa è uno dei servizi del Centro Sant’Antonio che offre anche docce, guardaroba, centro d’ascolto e centro diurno. Aperta dal lunedì al sabato per pranzo, offre circa 100 pasti al giorno. Sono coinvolti tre frati, un operatore, un centinaio di volontari. Buone le donazioni e le collaborazioni con gli altri enti cittadini civili e religiosi.
Monza-Madonna delle Grazie: Nella mensa sono serviti quotidianamente 40 pasti, due frati coinvolti e una trentina di volontari. Oltre al servizio mensa si effettua la distribuzione pacchi alimentari e abiti in collaborazione con la Caritas.
Parma-SS. Annunziata: Mensa storica della città serve circa 130 pasti al giorno e distribuisce pacchi alimentari. Due frati lavorano alla Mensa insieme a 30 volontari
Pavia-S. Francesco: La Mensa serve circa 80 pasti giornalieri, è coinvolto direttamente un frate, coadiuvato da numerosi volontari. Si lavora a stretto contatto con la Caritas cittadina che fa da centro d’ascolto per la distribuzione dei pacchi che avviene settimanalmente in mensa.
Torino-S. Antonio (cf. articolo): La mensa offre da più di 50 anni un'assistenza per i bisogni alimentari di singoli o famiglie, attraverso il: pranzo dal lunedì al sabato (100 posti a sedere e pranzo da sporto per i restanti che si presentano) per 230-250 persone; pacco alimentari per famiglie ogni 15 giorni; centro di ascolto per orientamento alla ricerca di alloggio, lavoro, distribuzione di buoni doccia del Comune e di vestiario in collaborazione con la S. Vincenzo. Si raggiungono circa 500 persone all’anno nella Mensa e circa 650 persone con il pacco alimentare
Verona-S. Bernardino (cf. sito web): Mensa a pranzo di 130 persone; un frate a tempo pieno è coinvolto nella gestione e altri della fraternità si alternano. Sono coinvolti circa 60 volontari che organizzano anche il Centro d’ascolto

Oltre alle mense elencate, che sono quelle più grosse, in molti altri conventi viene offerto il servizio mensa e/o distribuzione viveri.

Mensa poveri2    Mensa poveri3   Mensa poveri4   Mensa poveri5

Pastorale ai migranti

Pavia: Un frate è coinvolto da tanti anni in questo ambito presso il campo nomadi cittadino e in altri campi e comunità della Lombardia. Presta soprattutto opera di promozione umana, assistenza, catechesi e preparazione ai sacramenti. Buona la collaborazione con i servizi sociali e gli altri operatori del settore.

Comunità

Fraternità S. Francesco in Breganze (VI). Dal 1981 la casa è destinata all’accoglienza e al recupero di ex carcerati e tossicodipendenti. Nel tempo sono state aperte altre strutture funzionali sia all’attività specifica, sia alla promozione umana e spirituale del territorio: l’Eremo S. Pietro a Mason Vicentino, Casa Maria e Casa S. Anna a Salcedo, Casa Francesco e Casa Chiara centri operativi dell’Associazione Sankalpa Onlus a Mason Vicentino. Dal 1985 la cooperativa sociale “Ca delle Ore” garantisce il servizio sociale a tutti gli effetti; i frati (ora uno solo), fondatori della cooperativa, partecipano in qualità di soci volontari (cf. sito web).
Fraternità di Tezze d’Arzignano (VI). La Fraternità si caratterizza per la condivisione e la convivenza specialmente con le persone più deboli.
Convento S. Antonio di Cles (TN). Accoglienza, cura e reinserimento, accompagnamento a persone con problemi di tossicodipendenza, alcool e disagio. La fraternità è coinvolta nell’accoglienza di 12/16 persone insieme ad un gruppo di professionisti.

Carceri

Parma: un frate è cappellano delle carceri cittadine.
Pavia: Un frate collabora con la cappellania del carcere per ascolti, confessioni e messe e corso di chitarra.
Verona (cf. sito web): un frate è cappellano delle carceri cittadine.

Ospedali

Brescia: Spedali Civili. Dal 15 settembre 2004 è stata costituita la Cappellania ospedaliera formata da cinque frati, da sette suore Ancelle della Carità e da due suore Francescane dei Sacri Cuori. La Cappellania rivolge il suo servizio, sia agli ammalati, che al personale. Il suo stile sta ormai definitivamente passando dalla sacramentalizzazione all’evangelizzazione.
Savona: Ospedale S. Paolo. Dal 2005 la fraternità di Varazze svolge il servizio di cappellania presso l’ospedale S. Paolo di Savona. La Diocesi di Savona-Noli offre ai pazienti un servizio di assistenza umana, spirituale e religiosa rivolto a tutti coloro che frequentano a vario titolo la struttura ospedaliera: ricoverati, personale, parenti in visita ecc... Attualmente il servizio viene svolto da un sacerdote diocesano, dalla fraternità (composta da tre frati, che a turno coprono il servizio e inoltre con la reperibilità sulle 24 ore) ed una decina di volontari (ministri straordinari dell’Eucaristia) divisi in religiose e laici.
Vicenza: Ospedale S. Bortolo. I frati Cappellani presso l’Ospedale S. Bortolo di Vicenza sono in 3 che svolgono il servizio di Visita agli ammalati, Sacramento della Riconciliazione, Sacramento dell’Unzione degli Infermi, Celebrazione delle SS. Messe, Benedizione Salme e Celebrazione Funerali, Reperibilità notturna, Consiglio Pastorale Ospedaliero, Coordinamento dei Ministri Straordinari dell’Eucarestia e Animazione e promozione della Pastorale Sanitaria.
In Trentino diversi frati sono coinvolti a titolo personale nella Cappellania di Ospedali e Case di riposo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante più informazioni.